vai direttamente al contenuto.
Aree Tematiche
La Struttura


Al mulino si accede direttamente dalla principale area parcheggio (con camper service) di Borgo Garibaldi, attraverso un ponticello in legno sul torrente Campiano, quindi un vialetto che corre tra il torrente stesso ed il canale di adduzione dell’acqua.
L’elemento di maggior richiamo è sicuramente rappresentato dalle due antiche macine in pietra della “sala molitura” al piano terra, completamente restaurate, una delle due rimessa anche in funzione attraverso la ricostruzione dell’intero meccanismo che oggi rende osservabile il mulino in attività. Secondo la tradizione locale, l’acqua proveniente dal canale di adduzione confluisce in un apposito vano sottostante l’impianto di molitura e muove da pale montate su ruota orizzontale. Tale ruota trasmette il moto attraverso un albero verticale che agisce direttamente su una ruota in pietra (macina). Nei tre vani al piano superiore è stata ricostruita l’abitazione del mugnaio, completa del grande camino, tradizionamente immancabile nelle abitazioni del luogo. I locali ospitano la sede della Casa del Parco/Centro Visite del Parco Nazionale dei Monti Sibillini avendovi realizzato un ambiente per il front-office, una saletta multimediale e un’aula.
Tutti i locali sono legati da una ricca mostra fotografica dedicata alle orchidee selvatiche della Valcastoriana, una delle peculiarità ambientali più apprezzate del territorio, soprattutto dai turisti nord-europei.
L’intera struttura è completamente accessibile per i diversamente abili.



 
  1. Il Progetto
  2. La Struttura
  3. Parco Botanico
  4. Trek Urbano